Storia del mondo in 500 pagine, da Oxford firmata da Bernardini

Storia del mondo in 500 pagine, da Oxford firmata  da Bernardini

COMO – Paolo Luca Bernardini, direttore del Disuit (Dipartimento di Scienze umane e dell’innovazione per il territorio) e ordinario di Storia Moderna dell’Università dell’Insubria, ha appena pubblicato un contributo sul volume «Oxford Illustrated History of the World» edito dalla prestigiosa Oxford University Press.

Curato da Federico Fernandez-Armesto della University of Notre Dame (Usa), il libro racconta la storia del mondo in 500 pagine accompagnate da illustrazioni, dal 200.000 a.C. ai giorni nostri. Una sfida intellettuale, che ha visto la partecipazione di grandissimi storici come Jeremy Black (University of Exeter), David Northrup (Boston College), John Brooke (Ohio State University) o Ian Morris (Stanford).

Bernardini, autore prolifico e sempre originale, è l’unico italiano che è stato chiamato a scrivere per questo volume, con un contributo sulla storia intellettuale del mondo da inizio Ottocento a inizio Duemila. Così spiega il significato del lavoro: «La storia globale è il nuovo campo concettuale in cui entrano gli storici, nel tentativo di trovare un’estrema sintesi per conoscere e spiegare la condizione umana e la sua evoluzione. Naturalmente occorre cercare di capire che cosa sia veramente essenziale, e importante, e questo non solo per mere ragioni di spazio».

Le tematiche del suo intervento per la Oxford University Press sono per Bernardini materia di un progetto stimolante che, insieme alle «Digital Humanities», caratterizzerà parte del lavoro del nuovo dipartimento insubre. Il Disuit infatti, tra umanesimo tradizionale e scienze dure e matematiche, si occuperà anche di studiare forme di digitalizzazione del patrimonio culturale locale di tutta l’area insubre, approfondendo per esempio le nuove forme di insegnamento digitale delle lingue.

Dimmi la tua...